Massaggi Ayurvedici a Roma e Castelli Romani

 

 

Cos’è l’Ayurveda?   I principali disturbi trattati:   I Trattamenti:

 

L’Ayurveda:

 

L’Ayurveda è una scienza articolata la cui origine si colloca in tempi remoti, 3000 a.C., nella culla della civiltà dell’India. Essa ha origine dai 4 testi sacri più antichi giunti a noi dall’India, i Veda. Il termine sanscrito Veda indica il "sapere", la "conoscenza", e sono, RigVeda, SamVeda, YajurVeda e Artharva Veda, in quest’ultimo in particolare, sono contenute le informazioni relative alla scienza Ayurvedica. In forma sistematica, invece, nel trattato Charaka Samhita, datato comunemente intorno al VII sec. a.C., vengono trattati la struttura anatomo-fisiologica del corpo umano, l’insorgere delle malattie, le diagnosi, le cure, la farmacologia e le terapie di purificazione. Mentre nel Sushruta Samhita, datato intorno al VI sec a.C., troviamo la conoscenza dettagliata di oltre 1120 malattie, metodi e strumenti chirurgici, la classificazione delle ossa e le loro reazioni alle fratture, diagnosi e cura di disturbi metabolici, cardiocircolatori e disturbi del sistema nervoso.

L’Ayurveda, dal sanscrito Scienza della Vita, è lo studio dell’organizzazione biologica e delle leggi che regolano il dinamismo intrinseco alla vita stessa. Studia il fenomeno biologico riflettendo sempre l’aspetto spirituale, psichico e pratico della realtà e degli squilibri che si manifestano nel corpo umano.

L’Ayurveda è dunque la scienza della salute, una scienza medica di altissima eccellenza, che, con i suoi 5000 anni di pratica ininterrotta, lavora sulla radice dei disturbi per ripristinare lo stato di equilibrio psico-fisico dell’uomo. Copre tutti gli aspetti della salute e del benessere: fisico, emotivo, mentale e spirituale. È la scienza vedica della guarigione del corpo e della mente.

 

Il principio fondamentale dell’Ayurveda è quello di considerare ogni individuo una entità unica e come tale ha quindi necessità di essere curato in modo specifico ed individuale.

Rispettando nel modo più assoluto questa unicità, mantenendoci strettamente legati agli insegnamenti dell’Ayurveda Tradizionale, vengono individuati percorsi per il riequilibrio e ripristino delle funzionalità compromesse.

Le sostanze e gli oli utilizzati per i trattamenti, vengono scelti in base alla necessità costituzionale personale ed al tipo di squilibrio, garantendo, in modo assoluto, l’applicazione di oli Ayurvedici medicati, purissimi, pregiati e certificati e polveri a base di erbe e spezie, che seguono scrupolosamente i principi e le ricette classiche nel rispetto della tradizione dell’Ayurveda.

“L’esistenza biologica è la danza dei tre dosha: Vata (vento), Pitta (fuoco) e Kapha (acqua). La vita è un arazzo multicolore che rappresenta il loro movimento e i vari giochi di equilibrio e squilibrio, di unione e divisione. Queste tre forze colorano e determinano le condizioni di crescita e invecchiamento, di salute e malattia. […] Uno dei tre dosha predomina in ogni individuo e diventa la parte determinante della sua particolare costituzione, del suo tipo corporeo o mentale.” (David Frawley, Yoga e Ayurveda)

Vata, Pitta, Kapha, i tre dosha, le tre energie dinamiche presenti in ciascuno di noi che influenzano e definiscono la nostra costituzione psicofisica (prakriti) e sono responsabili di tutte le attività che avvengono fuori e dentro di noi e da cui dipende il nostro equilibrio. Ecco, quando pensiamo all’Ayurveda spesso queste tre parole sono le prime che ci vengono in mente. Ma in verità l’Ayurveda non è solo Vata, Pitta e Kapha.

Ayurveda, come detto prima, è la conoscenza della vita, in quanto conoscenza di ciò che può promuovere o disperdere la vitalità, tutto ciò che può dare gioia o dolore, tutto ciò che può mantenerci in uno stato di equilibrio e salute o portarci in uno stato di squilibrio e malattia.

 

 

 

I principali squilibri e disturbi più comunemente trattati:

 

 

Disturbi dell’apparato osteo-muscolare, dolori e rigidità articolari e muscolari, dolori reumatici, dolore al sacro, lombo-sciatalgia, artrite, artrosi, dolore cervicale, ginocchia, collo, mani.

 

Disturbi del sistema linfatico e venoso, ritenzione idrica, gonfiori, dolori a gambe mani e piedi, adipe in eccesso, cellulite, gonfiore di piedi e gambe, disturbi alla circolazione venosa ed arteriosa.

 

Disturbi dei tessuti cutanei, pelle secca, grassa, sensibile, psoriasi, eczemi, acne, rughe, buccia d’arancia, esfogliazioni, pruriti arrossamenti ed infiammazioni.

 

Disturbi del sistema nervoso, stress, insonnia e disturbi del sonno, paura, ansia, palpitazioni, irrequietezza, sbalzi d’umore, agitazione, irritabilità, rabbia e scatti violenti, stanchezza cronica, passività, depressione, dipendenza, apatia.

 

 

I trattamenti:

 

Abhyangam Vata Pitta Kapha: È il massaggio costituzionale che lavora per riequilibrare il relativo dosha aggravato, o i disturbi ad esso associati, viene praticato su tutto il corpo e vengono utilizzati oli specifici per ogni costituzione o dosha trattato, è specifica anche la manualità adottata, quindi sequenza, pressione e velocità.

 

Vatabhyangam: È uno dei tre massaggi costituzionali, viene trattato tutto il corpo per riequilibrare il dosha Vata, saranno utilizzati specifici oli medicati riscaldanti, dona calore e morbidezza, migliora la circolazione, aiuta a dare flessibilità alle giunture, calma la mente ed il sistema nervoso, placando ansia, stress, nervosismo, calmando e rallentando Vata dosha.

E’ indicato per la maggior parte dei disturbi osteo-articolari portati dallo squilibrio di Vata, come artrosi, artrite, dolori reumatici, irrigidimenti muscolari. Essendo un trattamento riscaldante, è molto indicato a tutti coloro che soffrono il freddo e l’umidità, ed hanno disturbi come la ruvidità e la secchezza della pelle.

 

Pittabhyangam: Massaggio costituzionale per il riequilibrio di Pitta dosha. Vengono utilizzati oli medicati rinfrescanti, un trattamento dolce, rinfrescante, ipnotico, calmante. Al contrario di Vata, il Pitta dosha ha bisogno di placare il suo fuoco quando in eccesso, è quindi indicato a coloro che soffrono di vampate di calore, irritazioni ed infiammazioni di vario tipo, calma la rabbia, le tensioni, l’irritabilità, la gelosia, lo stress, il mal di testa, scioglie la muscolatura bloccata e gli arrossamenti, inoltre migliora la digestione riequilibrando Agni il fuoco digestivo.

 

Kaphabhyangam: Massaggio costituzionale per il riequilibrio del dosha Kapha. Per sua natura, il dosha Kapha, è freddo, umido, pesante, solido, untuoso e lento. Un suo squilibrio accentua tutte queste sue qualità, pertanto il massaggio per riequilibrarlo è dinamico, veloce, caldo e drenante per ridurre i liquidi ed il grasso. La manualità predominante è l’impastamento e prevede l’utilizzo di oli caldi e riscaldanti. Va ad agire efficacemente sui disturbi come la ritenzione idrica, il grasso in eccesso, la flaccidità dei tessuti, la freddezza e la pesantezza fisica, sui gonfiori e sulla lassità delle articolazioni, sulla digestione lenta, agisce inoltre sui disturbi dove viene prodotto muco in eccesso, come raffreddori, tossi grasse e difficoltà di respirazione. Anche a livello psichico, agisce in maniera importante, su depressione, apatia, pesantezza mentale, pigrizia, svogliatezza e flemma.

 

Shiroabhyangam: È il massaggio Ayurvedico alla Testa mediante l’utilizzo di specifici oli medicati che coinvolge anche spalle e parte superiore della schiena. Agisce direttamente sul sistema nervoso, favorendo il rilascio delle tensioni raggiungendo tutto il corpo, scioglie quindi spalle e cervicale, vengono trattati anche i punti energetici della testa rendendo questo massaggio rapidamente efficace anche sul mal di testa da stress e contratture cervicali, inoltre, visto l’utilizzo di oli specifici, nutre fortemente i capelli ed il cuoio capelluto.

 

Shirodhara: Forse si può definire come il massaggio ayurvedico per eccellenza, consiste in un flusso costante ed a temperatura controllata, di olio o altri liquidi medicati (a seconda delle necessità) al centro della fronte. L’olio o il liquido, viene fatto colare da un recipiente (Dhara Pathra) provvisto di un foro al quale è applicato un tratto di corda di una specifica sezione e posto ad una specifica distanza dalla fronte. Il trattamento viene eseguito in un ambiente silenzioso, rilassante, pulito con luce soffusa, senza parlare, quasi sempre preceduto da un massaggio costituzionale al corpo, preferibilmente la mattina ed è consigliato di non eseguirlo in tarda sera. E’ un trattamento molto potente e versatile, per mezzo del quale si può far fronte a numerose problematiche sia fisiche che psichiche. Agisce profondamente sul sistema nervoso ed è particolarmente indicato per:     

Stress psicofisico, Insonnia, Paure, Ansia, Depressione, Attacchi di panico, Mal di testa, Affaticamento della vista, Stanchezza cronica, Apatia, Ipertensione, Irritabilità, Nervosismo, inoltre nutre i capelli secchi e sfibrati, lenisce la pelle, dona chiarezza mentale e promuove l’intuizione.

La durata complessiva varia dai 60 agli 80 minuti, va considerato, al termine del trattamento, un ulteriore ed adeguato tempo di riadattamento psicofisico prima di scendere dal Dhroni (il tavolo ayurvedico in legno) ed alzarsi in piedi.

 

Midiabhyangam (Kalari): Massaggio con i piedi. Il massaggio Kalari, che prende il nome dalla antica arte marziale indiana, oltre che sui lottatori in periodi di allenamento, veniva praticato sui guerrieri sia per la preparazione che al ritorno dalle battaglie. È un trattamento molto energico, esso agisce sulle Nadi, i canali energetici che trasportano il Prāna, l’energia vitale, stimola quindi i flussi energetici del corpo, tonifica la muscolatura e scioglie le contratture, scioglie le tensioni articolari, allevia la stanchezza. È un trattamento molto indicato agli sportivi come defaticante ed energizzante.

 

Massaggio keraliano: È un trattamento del sud dell’India, più precisamente del Kerala. È un massaggio molto potente usato per ripristinare i flussi energetici e rinvigorire il corpo. Spesso è preparatorio per successivi trattamenti come il Pinda-Sweda, Udgharshana, Vasti. Scarica le tensioni accumulate e stimola anche il rinnovamento dei tessuti. Si effettua mediante sfioramenti molto lunghi e leggeri su tutto il corpo, facendo posizionare il ricevente su tutti i lati, seduto, laterale, supino, prono, con l’utilizzo di oli specifici.

 

Pinda sweda: Fa parte delle terapie Swedana, di sudorazione e calore. È un massaggio che si pratica mediante l’utilizzo di sacchetti di cotone molto caldi riempiti con polveri di erbe (Otham) o decotti di riso medicato (Pinda) o altri ingredienti sempre medicati. È preceduto da un massaggio di oliazione di tutto il corpo. A seconda dei boli utilizzati, si pacificano gli squilibri di Vata, per sua natura freddo e secco, così come gli eccessi di Kapha di qualità freddo ed umido. Durante il trattamento i boli verranno sostituiti spesso con altri caldi, fino alla fine. Questo trattamento è particolarmente indicato per problemi alle articolazioni, artriti, osteoartriti, torcicollo, dolori e contratture muscolari ed anche contro cellulite, obesità, gonfiori in generale. Potente detossificante e rilassante dona inoltre luminosità e tono alla pelle.

 

Vasti: Sono una serie di trattamenti particolari in zone specifiche del corpo. Viene applicato olio caldo medicato all’interno di un cerchio con bordi alti fatto al momento con un impasto di farina di ceci e fatto aderire perfettamente alla parte da trattare. E’ proprio da questa parte del corpo che Vasti prende il nome specifico.

 

Kati-Vasti: Il termine Kati si riferisce alla regione lombare ed è qui che l’olio caldo medicato viene versato.  Rinforza i muscoli, specialmente quelli nella regione lombare, allevia disturbi nervosi, efficace contro lombalgie e sciatica. Risulta anche molto indicato in presenza di spasmi muscolari e infiammazioni nella regione lombo-sacrale. 

 

Janu-Vasti: Il termine Janu si riferisce all’articolazione del ginocchio. È sul ginocchio che viene applicato il Vasti dove verrà colato l’olio medicato. Questa terapia dona sollievo nei casi di dolore cronico al ginocchio e per disturbi degenerativia carico di questa articolazione, come l’artrite osteoarticolare e nei casi di lesioni del legamento. I benefici di Janu vasti sono il sollievo dal dolore, il rilassamento dei muscoli, aiuta nei casi di liquido al ginocchio, promuove la circolazione, aumenta la flessibilità e lubrifica le articolazioni.

 

Greeva-Vasti: Greeva si riferisce alla regione del collo e cervicale, ed è qui che verrà applicato il Vasti contenente l’olio caldo medicato. È indicatissimo nei casi di spondilite cervicale, torcicollo, nei dolori alla parte superiore della schiena, torpore o contratture dei muscoli interessati.

 

Uro (Hridaya) Vasti: il termine Uras si riferisce alla regione toracica. Questo trattamento è indicato per tutti gli squilibri del Dosha Kapha, quali asma, problemi respiratori, catarro, bronchiti ecc. È efficace in alcune condizioni infiammatorie e spasmi muscolari della regione toracica.

 

Ubtana: Peeling o maschera per il viso. Ubtana è indicato per migliorare la qualità della cute del viso. Accelera il ricambio cellulare stimolando la sintesi del collagene con conseguente miglioramento della tonicità della pelle. Il trattamento prevede prima di tutto un massaggio al viso, collo e spalle con oli specifici ed il tipo di maschera che verrà applicata successivamente al massaggio, sarà scelta in base alla costituzione della pelle del ricevente. Tutti possono trarre notevoli benefici da questo trattamento che, aprendo e ripulendo i pori andrà ad eliminare le tossine, riuscirà quindi a svolgere una notevole azione anti-age ed a prevenire le rughe, molto efficace anche in caso di occhiaie, borse sotto agli occhi, pelle molto secca, disidratata o grassa.

 

Udgharshana: Peeling Indiano. È una trattamento di strofinamento a secco con polveri di erbe molto specifiche e farine. Ha una azione altamente purificante, elimina in modo molto efficace le tossine presenti a livello cutaneo.È consigliato in casi di pelle grassa, ritenzione idrica, cellulite, grasso, pelle a buccia d’arancia, pelle atonica o asfittica, anche nei casi di secchezza cutanea, dermatiti, eczemi e psoriasi. È consigliatissima nei casi di cure dimagranti, soprattutto se alternata con il trattamento Neerabhyangam (linfodrenante). Molto utile negli squilibri di Kapha, rinvigorente, agisce contro pesantezza, sudorazione eccessiva, cattivo odore e torpore.

Nota importante: essendo un efficace detossificante ma a secco, fa parte del trattamento un bagno di vapore finale per eliminare i residui di cellule morte, tossine e pulizia profonda dei pori.

 

Udvartana: Trattamento con una miscela di oli e polveri di erbe che può essere anche riscaldato per aumentare la sua efficacia.  Le qualità leggere, ruvide, secche e riscaldanti delle polveri, vengono contrastate da quelle dell’olio, caldo, pesante ed untuoso facendo in modo che la pelle rimanga elastica e morbida.

Strofinando questa miscela sul corpo si produce attrito e di conseguenza calore, arrivando a riscaldare i tessuti in profondità, facendo aprire i pori, permettendo alle sostanze di penetrare e rimuovere le tossine, stimolare il metabolismo dei grassi, tonificare il corpo e pacificare i dosha Vata e Kapha. Effetto anticellulite, snellente, purificante. È anche molto indicata come preparazione alla stagione estiva, predisponendo la pelle a ricevere i raggi solari. Essendo un massaggio riscaldante, aiuta anche ad aumentare Agni, il fuoco digestivo. Svolge un effetto peeling su tutto il corpo, ed aiuta a ripristinare il PH della pelle. Elimina la sensazione di pesantezza, stanchezza e apatia. La sudorazione irregolare; molto efficace contro la ritenzione idrica; ed il controllo del peso e del grasso corporeo. Aumenta la resistenza della pelle ai fattori esterni e le difese immunitarie.

 

Neerabhyangam: Linfodrenaggio. La funzione principale del sistema linfatico è quella di depurare e drenare l’intero organismo. Il drenaggio è un’azione che coinvolge l’intero organismo e stimola l’eliminazione delle tossine nella sua totalità.

Tra i costituenti della linfa infatti abbiamo acqua, cellule adipose, proteine, globuli bianchi e prodotti di scarto generati dalle cellule tra cui tossine, allergeni e cellule tumorali. Questo a significare che un sistema linfatico in buona salute dovrà adempiere necessariamente anche e soprattutto, ad un’efficiente opera di drenaggio di tutto il corpo. Avere un sistema linfatico sgombro ed efficiente ridurrà il carico di lavoro dei nostri organi emuntori, che ricordiamo essere: Fegato, Intestino, Polmoni, Reni e Pelle.  Lo stesso vale anche per le emozioni, la loro stasi, la loro persistenza e mancata elaborazione si fissa nel corpo generando accumuli e tossine.

La stimolazione del sistema linfatico con il Neerabhyangam avviene in modo estremamente dolce quanto efficace. Le manovre leggere e precise, accompagnano dolcemente la linfa verso le stazioni linfonodali e, di lì, fatta defluire. Si può definire il massaggio anti Kapha per eccellenza, effettuato con manovre ed oli specifici, è indicato per combattere la cellulite, la ritenzione idrica, acne e couperose, alcuni tipi di dermatite, adatto a chi soffre di insufficienza venosa e vene varicose. Consigliato a chi svolge una vita sedentaria, ed è anche efficace nelle problematiche a carico del sistema respiratorio quali riniti, sinusiti e varie forme allergiche.

Può essere una buona abitudine sottoporsi ad una serie di trattamenti ai cambi di stagione ed è altamente efficace se alternato con Udgharshana nei casi di cure dimagranti e di controllo del peso corporeo.